• S. Maria del Focallo

“L’umanità è un immenso formicaio e se vuoi conoscerla davvero devi trasformarti in formica e viverci dentro.”

piscina
Villa Solea

Fantastica piscina. Solarium. Campo da tennis. Cucina esterna con barbecue. Tavolo da ping pong. Zona fitness. 5 camere da letto…

terrazza - Antura
Antura

Antura è un romantico appartamento circondato dal verde di una pineta. La sua posizione strategica consente di visitare le più…

DSC_0307
Maccone Bianco

Il residence "Maccone Bianco" deve il suo nome alla zona di Santa Maria del Focallo in cui si trova. Dista…

Dicono di noi

arance

“La Sicilia è il paese delle arance, del suolo fiorito la cui aria, in primavera, è tutto un profumo… Ma quel che ne fa una terra necessaria a vedersi e unica al mondo, è il fatto che da un’estremità all’altra, essa si può definire uno strano e divino museo di architettura”.

Guy de Maupassant

1266294_376196312511018_1744304189_o

“Di fronte
m’eri, o Sicilia, o nuvola di rosa
sorta dal mare! E nell’azzurro un monte:
l’Etna nevosa.

Salve, o Sicilia! Ogni aura che qui muove,
pulsa una cetra od empie una zampogna,
e canta e passa… Io ero giunto dove
giunge chi sogna;”

Giovanni Pascoli

11954777_480985822076229_2792880782641239359_n

“Approdammo all’isoletta dei Porri, un largo scoglio quasi piano, sollevato di qualche metro fuori del mare che vi balla attorno spumante. Lo percorremmo in pochi minuti, poi ci sedemmo nel centro rimpetto alla spiaggia. La campagna ci si spiegava sotto gli occhi colle sue linee larghe, colle sue mille tinte di verde che si armonizzavano insieme. Lontano, in fondo, entro una nuvola di vapori dorati, torreggiavano nel cielo opalino le cupole e i campanili di Spaccaforno infiammati dal sole. Il mare rumoreggiava da ogni lato dell’isoletta con urli sordi, con scrosci interrotti. Di tratto in tratto vedevamo qua e là sollevarsi gli spruzzi iridati dei cavalloni irrompenti sui fianchi più bassi.
– Ecco un posto – ella disse – ove abiterei volontieri, ed ove vorrei morire tutt’a un colpo, ingoiata dal mare quasi prima di accorgermene…”

Luigi Capuana

La "cumacca"